ENPA, animali a casa

 www.bearzi.it di Martina D'Ambrosio

ENPA (Ente nazionale protezione animali) è un'associazione che si occupa della difesa degli animali. Questa associazione è molto diffusa in Italia e la sede centrale si trova a Roma. Nel comune di Udine c'è un rifugio in via Gonars. L'ENPA è stata fondata nel 1871 a Torino, tra i soci fondatori ci fu anche Giuseppe Garibaldi. Lo scopo era la protettrice degli animali contro i maltrattamenti. L'ENPA è membro di RSPCA ( Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals) il più antico ente animalista del mondo.

È possibile aiutarli con il 5 per 1000 e migliorare le condizioni di vita dei tantissimi trovatelli di cui si prendono cura quotidianamente nei rifugi, sul territorio e durante le emergenze. È possibile anche adottare gli animali di cui l’ENPA si prende cura nei rifugi. I trovatelli sono tantissimi, tra loro ci sono molti cani e gatti da adottare. Un'altra fascia di ospiti sono quelli da ex-combattimento, la maggior parte di loro sono pit bull che, anche se hanno combattuto contro la loro volontà, sono dolcissimi. Inoltre è possibile trovare anche gli animali trovati in strada.

A Udine è da pochi mesi in costruzione il nuovo canile di fronte a quello vecchio. I lavori dopo un inizio lento proseguono ora velocemente; si stanno alzando piano piano le strutture di ben 5 padiglioni. Speriamo che questo progetto vada a buon fine e che tutti i cani trovino un posto molto più confortevole nel nuovo canile, ma sarebbe molto meglio se lo trovassero in una famiglia.

Il nuovo rifugio sarà più che un semplice luogo di accoglienza per gli animali, aspira a diventare un vero e proprio parco aperto al pubblico dove verranno organizzati incontri e attività anche per le scuole e per favorire un incontro e un contatto con gli animali.

Patrizia Panico, la prima donna italiana a guidare una nazionale maschile di calcio

 www.bearzi.it di Marta Salvador

Patrizia Panico è stata una delle calciatrici più forti della storia del nostro calcio femminile: ha segnato oltre 650 gol nella sua carriera in meno di 600 presenze. Ora è diventata tecnico dell'under 16, ha avuto occasione di guidare la squadra azzurra dalla panchina. Il passaggio del calcio degli uomini non era scontato, infatti rimane qualche preclusione al gentil sesso.
Patrizia dice sorridendo: “I ragazzi mi chiamano mister”. Per lei non è un problema se i ragazzi la chiamano mister, basta che ci sia rispetto reciproco e per farsi ascoltare non sia necessario alzare la voce. “A volte chi non urla per farsi ascoltare ha più sicurezza e più carisma” dice l’allenatrice.
L'esordio della panchina degli azzurri dell'Under 16 è stato agrodolce, in un doppio test con i pari età della Germania sconfitti 4-1 nella prima gara, quest’ultimi si sono rifatti vincendo per 3-2. Patrizia ha sostituito l'allenatore in carica Daniele Zoratto assente per allenare l’under 19.
Presto Patrizia potrebbe diventare a tutti gli effetti una vera mister e guidare una squadra di uomini in pianta stabile. Non importa se è una donna, i ragazzi in realtà non stanno a guardare il genere ma le competenze di un allenatore.
Patrizia Panico è la prima donna italiana a guidare una nazionale maschile di calcio. Gli italiani saranno pronti a vedere una quota rosa anche su una panchina di serie A?

Regala i tuoi Lego

 www.bearzi.it Hai dei mattoncini Lego che non utilizzi più? Con questa iniziativa puoi regalare un nuova “vita” a tutti questi pezzi di plastica colorati. Puoi donare i tuoi Lego al laboratorio di robotica dell’Istituto salesiano “G. Bearzi”. I tuoi mattoncini verranno utilizzati per realizzare laboratori didattici e attività per bambini, ragazzi e anche per gli adulti. Per maggiori informazioni contatta il prof. Francesco Calderini, scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.